«

»

apr 12

Tradurre è trovare la nota giusta

E l’autore si riconosce nel suono di una lingua sconosciuta

Quando mi capita, in qualche città all’estero, di presentare un mio libro tradotto, spesso, mostrando l’edizione italiana, dico che quel testo l’ho scritto io, aggiungendo che l’altro, la versione nell’altra lingua, l’abbiamo invece scritto in due, io e il traduttore o la traduttrice.

Leggere il seguito dell’articolo sul sito originale

Print Friendly