Ahmed Habouss. La miseria umana!!!

La miseria, l’ingiustizia, e il disordine che destabilizzano intere regioni sono le uniche certezze che governano e pianificano il destino tragico di milioni di esseri umani.

Nuove forme d’imperialismo più subdolo ed insidioso nella gestione del potere e degli interessi su scala mondiale e locale. Guerre, sradicamento e non appartenenza, perdita di ogni riferimento esistenziale e materiale, in un mondo crudele dove i forti sono deboli con i potenti e forti con i deboli. Le statiche non ci aiutano molto a penetrare i meccanismi che regolano la miseria e le sue ricadute sociali e psicologiche. Ad ogni modo, le cifre di per sé non sono altro che una percezione astratta e riduttiva della vita e delle condizioni umane. Gli emarginati hanno una percezione di sé come di inutilità sociale se i valori sono rinchiusi nella solvibilità economica delle persone. Il disagio economico si trasforma allora in un disagio psicologico, in tal senso il dramma della povertà e di coloro che non riescono a soddisfare quei bisogni primari e vitali ci insegna molte cose che meritano di essere meditate. Chiamare le cose con i loro nomi sarebbe già una conquista per gli esperti, includendo sociologi, economisti o semplicemente opinionisti. Ciascuno gongola dentro le proprie griglie di lettura, fatte da frasi tipo “lasciamo parlare i fatti”, “lasciamo parlare i numeri”, “i fatti sono eloquenti, “i fatti parlano da sé”.

Print Friendly, PDF & Email