«

»

giu 08

La forza dell’emozione

 

La forza dell'emozione

La centrale nucleare di Tricastin, in Francia

Improvvisamente, come se per quasi vent’anni non avesse costruito il proprio potere sulla concitazione degli animi, Berlusconi invita alla calma, sul nucleare. È il perno della campagna contro i referendum: non si può decidere, “sull’onda dell’emozione” causata da Fukushima, con il necessario distacco. Lo spavento, ripetono i suoi ministri, “impedisce ogni discussione serena”.

La parola chiave è serenità: serve a svilire alle radici il voto del 12-13 giugno. È serenamente che Berlusconi proclama, proprio mentre Germania e Svizzera annunciano la chiusura progressiva delle loro centrali: “Il nucleare è il futuro per tutto il mondo”. È una delle sue tante contro-verità: la Germania cominciò a investire sulle energie alternative fin da Chernobyl, e il piano adottato il 6 giugno non si limita a programmare la chiusura di tutti gli impianti entro il 2022: la parte delle rinnovabili, di qui al 2020, passerà dal 17 per cento al 38, per raggiungere l’80 nel 2050. È emotività? Panico? Non sembra. È il calcolo razionale, freddo, di chi apprende dai disastri e non li nasconde né a sé né ai cittadini. È una presa di coscienza completamente assente nel governo italiano, aggrappato all’ipocrita nuovo dogma: “Non si può far politica con l’emozione”.

di BARBARA SPINELLI

Print Friendly