FrançoisTruffaut

Nel 1955 Frances Vernon Guille scopre due volumi dei diari di Adèle Hugo: il diario è scritto in un personalissimo codice e, dopo 13 anni di lavoro di decifrazione e di ricerche, la Guille pubblica il primo volume presso Minard di Parigi. Lo scopre in questo modo Jean Grualt, co-sceneggiatore e amico di Truffaut, e nel 1970 scrive una prima traccia di sceneggiatura. Il titolo originale risponde all’intento narrativo di Truffaut che di Adèle vuole raccontare la particolare vicenda individuale.

Adèle H. era già nel cassetto in ben cinque versioni, prima che Truffaut cominciasse a girare la sua opera più sofferta. Fu la scoperta delle partiture inedite di Maurice Jaubert e l’incontro con Isabelle Adjani a far scattare l’ingranaggio della messa in lavorazione.

Cinema


Print Friendly, PDF & Email