«

»

giu 08

Femmes et Géopolitique

Femmes et Géopolitique (a cura di), Hérodote revue de géographie et de géopolitique 1er trimestre 2010, Paris, La Découverte, 2010, pp. 233. Euro 22,00.

Saggistica


Questo volume offre una ricognizione globale e locale delle donne da un punto di vista geopolitico interessante e stimulante. Questo numero di Hérodote coincide con i quarant’anni del movimento femminista che segna un anniversario fatto di luce e di ombre.

I vari contributi esaminano le tematiche riguardanti le donne da una prospettiva geopolitica molto interessante e proficua da tutti punti di vista. Nel mondo occidentale moderno le forme di dominio e di sfruttamento delle donne sono diventate più sottili perché la donna è considerata in primis un consumatore e poi un corpo da trasformare con la pubblicità in una merce da esibire e da consumare. Invece, in altre realtà del mondo, il corpo della donna sembra appartenere ad un sistema patriarcale, alla famiglia, al clan, alla nazione. Dovunque le violenze domestiche sulle donne sono aumentate in modo preoccupante, anche da noi in Occidente, e questo è un campanello d’allarme che ci interroga tutti sul degrado generale della società, del vivere insieme e segnano in qualche modo, la stagnazione del movimento femminista, o almeno di ciò che ne è rimasto. Il degrado e l’arretratezza hanno generato l’appiattimento culturale e politico preoccupante per la sorte delle generazioni future. Ultimamente abbiamo visto in Francia lo scatenarsi  di polemiche concernenti il velo integrale e il dibattito sull’identità nazionale che ha provocato strumentalizzazioni ideologiche e politiche a danno dell’Islam e dei magrebini. L’originalità di questo numero di Hérodote è quello di proporre un approccio geopolitico cioè lo studio delle rivalità e dei rapporti di potere riguardante il controllo di interi territori e le loro popolazioni e soprattutto di rendere conto della situazione delle donne su scala mondiale e locale. Nessuno contesta l’esistenza di rapporti di dominio che subiscono le donne dovunque e comunque e l’approccio geopolitico ci permette di aprire una nuova finestra su queste realtà. I vari autori cercano di affrontare e di dare delle risposte ad una tematica delicata e complessa, soggetta a polemiche e controversie. Opera chiara, precisa e densa d’informazioni utilissime. Una lettura consigliabile.

Ahmed Habouss

Print Friendly