«

»

gen 30

Camille et Yves Lacoste, Ibn Khaldoun.

Camille et Yves Lacoste, Ibn Khaldoun. Naissance de l’histoire, passé du tiers monde, Paris, La Découverte, /Poche, 2009, pp. 209. Euro  11,00.

Una premessa iniziale: il libro è consigliabile solo a chi ha già una conoscenza approfondita della storia del Magreb. Quest’opera è dedicata a Ibn Khaldoun, un personaggio chiave del pensiero arabo-berbero musulmano ma anche un formidabile condottiero intellettuale e politico. L’opera Khalduniana è un classico di grande attualità e la sua lettura è particolarmente utile in questi momenti d’incertezze e di crisi. Una rilettura dell’opera Khalduniana ci può offrire delle chiavi di lettura e d’interpretazioni in grado di aiutarci a capire il passato medievale del Nordafrica, ma anche la situazione odierna. Oggi senza dubbio, Ibn Khaldoun è lo storico islamico più famoso e malgrado questo rimane tuttora uno sconosciuto nel mondo mussulmano e in Europa. Per questa ragione il libro di Yves Lacoste rappresenta un’ottima introduzione per capire non solo il personaggio Ibn Khaldoun ma anche la sua opera. L’opera Khalduniana è un contributo importantissimo alla storia del sottosviluppo e ha dato un’impronta alla nascita della storia come scienza critica del mondo passato e di quello contemporaneo.

Vi sono almeno tre buone ragioni per leggere questo testo: la prima è che Ibn Khaldoun è considerato uno dei maggiori storici magrebini del XIV secolo ed anche uno dei grandi pensatori arabi berberi, eclettici ed originali. La sua importanza si è affermata da più di mezzo secolo ed egli è molto apprezzato e stimato negli ambienti intellettuali musulmani o europei.

La seconda ragione è che Ibn Khaldoun è stato e continua tuttora a essere denigrato in modo violento da taluni scrittori e giornalisti vicini ai gruppi islamici radicali. Infatti, alcuni di loro hanno accusato Ibn Khaldoun, di non essere un vero musulmano perché nei suoi testi non trovano tutto ciò che può giustificare il loro odio ed il loro fanatismo religioso e politico.

La terza riguarda la straordinaria attualità e modernità dell’opera khalduniana ricca e variegata in termini d’argomenti e di ragionamenti che ci introducono nel passato e per certi versi nel presente del Maghreb contemporaneo. Un ottimo strumento di lavoro utile e particolarmente consigliabile per chi desideri conoscere in modo approfondito uno dei fondatori della sociologia moderna ma anche scoprire un personaggio chiave ed affascinante del XIV secolo. Un libro di riferimento per gli studiosi del Nordafrica. Ahmed Habouss

Print Friendly